Secondo un’indagine svolta da Cpp Italia, l’azienda che si occupa della protezione dei dati e dei servizi sul web, emerge che il 16% degli utenti di internet è stato vittima di una violazione dei propri dati necessari all’accesso dei vari servizi sul web per mano di soggetti con intenzioni fraudolente.

Di questa percentuale circa il 35% ha subito danni economici rientranti in un range compreso tra 100 e 5.000 euro, con un 1% che ha riscontrato perdite  superiori a tale importo.

Dal rapporto della Cpp si deduce dunque che solo il 68% degli internauti possiede una percezione del rischio incorso durante la navigazione correndo ai ripari tramite il cambiamento della propria password con cadenza regolare e con l’utilizzo di codici diversi per diversi account.

Ancora troppi gli italiani a richio che a causa dell’incuria verso la protezione dei propri dati personali si pongono nella condizione di essere facili prede per i malintenzionati del web.

Richiedi Informazioni

    Messaggio*:

    Condividi
    •  
    •  
    •  
    •  
    •  
    •