diminuire frequenza di rimbalzoLa Frequenza di Rimbalzo o Bounce Rate, che d’ora in poi chiameremo fdr, è la percentuale di quei visitatori che una volta entranti all’interno del nostro sito “rimbalzano via” senza visitare ulteriori pagine, di conseguenza sono visitatori che non sono stati soddisfatti di quello che hanno trovato all’interno della pagina in cui sono atterrati; o in casi molto rari hanno avuto subito tutte le informazioni che cercavano e non hanno avuto la necessità di navigare ulteriormente sul nostro dominio.

Oggi daremo qualche indicazione su come far diminuire il maggiormente possibile la percentuale di frequenza di rimbalzo del proprio sito internet.

Un consiglio molto utile per tenere al minimo la fdr è quello di inserire i link sia interni che esterni alla fine degli articoli e non all’interno del testo; e di usare il meno possibile i link esterni preferendo quelli interni in modo da far navigare l’utente più nel nostro sito senza dover cercare le info che gli servono su altri siti.

Un altro consiglio è quello di progettare un layout di navigazione semplice e intuitivo; molto spesso capita di trovare menù o pagine dalla difficile navigabilità che fanno sì che gli utenti siano dissuasi dal continuare a navigare all’interno del nostro sito web; questo perché per chi ha progettato il sito magari certe interazioni vengono automatiche ma non tutti pensano e ragionano allo stesso modo, quindi è sempre meglio farsi aiutare da più persone per rendere più fluida la navigabilità delle pagine e far scendere così la fdr.

Mettere poca pubblicità e meno banner possibili in modo da rendere a prima vista il sito più autorevole e più affidabile.

L’ultimo consiglio che vi diamo è quello di utilizzare i “Related Post Plugin” alla fine di un articolo o un post in modo da offrire all’utente nuovi articoli sullo stesso argomento di quello che stanno leggendo per far così approfondire il precedente e aumentare la possibilità di avere una fdr minore.

Richiedi Informazioni

    Messaggio*:

    Condividi
    •  
    •  
    •  
    •  
    •  
    •